Wordpress versus Dreamweaver

Perchè "less is more" non sarà la filosofia del Web Design 2017

Quando si progetta un sito web, un'app o un portfolio, due cose avranno sempre la priorità: l'utente e l'esperienza. La nuova parola chiave della comunicazione web è quindi: "feeling". La risposta emotiva e intellettuale dipende non solo da come funziona un marchio o di come appare, ma da come lo si percepisce.
Questo è il motivo per cui il settore marketing delle aziende investe nella progettazione di una efficace user interface (UX). Le aziende che hanno imparato con successo le tendenze del design UX hanno aumentato il loro fatturato di oltre il 30%, un chiaro indicatore della connessione che passa tra la UX e il ROI. Marchi come Apple, Google, Dropbox e Amazon sono leader in questo campo, poiché capiscono che “l’esperienza” del cliente è importante, se si è veramente interessati al pubblico.
Uno studio di App Dynamix ha trovato che il 90% degli utenti ha smesso di usare una app a causa del suo scarso rendimento, mentre l'86% ha disinstallato una app citando problemi di funzionalità e design. Alcuni potrebbero pensare di giocare sul sicuro e rassegnarsi alle odierne norme comuni del minimalismo. Meno è meglio, giusto? Non più. Un design semplificato non è necessariamente minimalista, allo stesso modo un design minimalista non è necessariamente semplificato.
Qui si tratta di progettazione di esperienze.

Il potere dell’animazione

Stiamo assistendo ad un aumento di siti web che abbandonano le immagini statiche poiché l’animazione continua a coinvolgere gli utenti, dando maggior design e personalità. Gli sviluppi dell'HTML5, CSS e JQuery stanno iniziando a svolgere un ruolo sempre più importante in questo percorso. Le animazioni vengono in nostro aiuto in forme diverse e per scopi diversi. Possono venire in forma di immagini full-screen e lavorare con lo scorrimento e la navigazione, il caricamento di dispositivi durante l'attesa per i contenuti, o di una dinamica di hover. Anche una pagina di errore 404 può utilizzare una animazione per intrattenere il pubblico.
I concetti di animazione devono essere allineati con le esigenze specifiche degli utenti per essere veramente di valore. Se l'animazione ha significato può essere uno strumento efficace non solo nel migliorare la progettazione, ma anche per creare appeal. Bisogna comunque utilizzare questa tendenza di design UX con attenzione e parsimonia. Deve migliorare l'esperienza utente, non distogliere da essa.
Scontata ma sempre degna di essere sottolineata la necessità della profilazione del pubblico, poiché chi spara senza mira spreca solo colpi.

Coraggio a colori

In passato, molte marche usavano solo colori web-safe. Ma di recente - e in futuro - vedremo sempre più colori saturi, tinte vivaci e l'uso di gradienti. Dopo tutto, utilizzando i neutri non giustificheremmo gli avanzamenti tecnologici di schermi e dispositivi che sono ormai in grado di riprodurre toni più ricchi.
I colori più audaci hanno la forza di attrarre più facilmente gli utenti. Essi possono anche agire come significante per i marchi e rappresentare una rottura con il passato. Se si sta spostando l'attenzione sul marchio, un cambiamento di colore può essere molto utile. Ricordiamo inoltre che non vi è psicologia dietro le scelte di colore audaci. Essi sono semplicemente percepiti come freschi, giovani e tendy. Non solo si completano a tonalità più chiare, ma anche evocano emozioni e connotazioni “social”.

Il video è ormai il leader dell’intrattenimento

Il video è già il Re, non solo in termini di contenuto, ma anche in aggiunta a tutta l'esperienza dell'utente. Il 79% di tutto il traffico Internet consumer entro il 2018 sarà video. Attualmente, il 50% di tutto il traffico mobile è già basato su video.
Il video può più facilmente interagire con gli utenti. Una volta iniziata la riproduzione, esiste una maggiore probabilità che resti impressa. I video evocano un'atmosfera unica, un certo stato d'animo o un sentimento. Un grande punto di partenza e un modo divertente per intrattenere i visitatori del sito web. Ancora più importante, i video raccontano efficacemente una storia, e ogni sito web deve essere in grado di raccontarne una. Quindi, quando pensate di progettare la vostra UX non dimenticate di incorporare video rilevanti e coinvolgenti.

Un castello di carte

Una delle recenti tendenze dell'UX design è l’utilizzo delle "card". Rese popolari da Pinterest e Facebook, queste "carte" facilitano la “catalogazione” di più contenuti in singole schede. Questo permette ai marchi di mostrare più contenuti sullo schermo in una sola volta, di comunicare storie rapidamente, in modo che gli utenti possano eseguire la scansione rapidamente utilizzando anche relative immagini ad effetto.
Questa funzione è inoltre molto utile nella progettazione mobile, consentendo agli utenti di visualizzare più contenuti e utilizzando lo scorrimento e il touch. Questo aggiunge anche la funzione per tutta la progettazione in quanto visualizza una griglia semplificata in cui tutti gli elementi sono chiare e facilmente accessibili. La soglia di attenzione diventa più breve e sicuramente questa tendenza di design resterà tale ancora a lungo.

Pensieri finali

Quando si tratta di progettare, "less is more" non sempre funziona. Il minimal non risolve tutti i problemi di un designer. I progettisti devono cercare in ogno modo di migliorare l'esperienza degli utenti e hanno bisogno di avere un certo livello di coraggio quando lo fanno. Non è vero che “andare sul sicuro” farà più bene che male, perché un design che non ha un impatto in ultima analisi, non riesce nel suo intento, si dimentica facilmente. Ora che gli strumenti tecnologici si evolvono in materia di rendimento, sfruttiamo la situazione ed immergiamoci un qualcosa di unico.

L’IMPORTANZA DELLA USER EXPERIENCE IN OTTICA SEO
Concentrarsi sull’esperienza utente (UX) cioè su tutto ciò che riguarda l’impatto visivo e l’interazione da parte di questi, potrebbe farci in qualche modo trascurare la SEO (Search Engine Optimization), il motore di ricerca ci insegna invece, che non è proprio così.
Nel tempo Google ha introdotto nuovi parametri per il posizionamento, per definire il ranking, lavorando verso una nuova direzione. La SEO ormai non riguarda solo l’uso delle parole chiave del testo o i link in entrata, ma tutto deve essere definito per permettere a Google il miglior risultato possibile.
Lavorare sull’interfaccia grafica, andando di pari passo con quella che è la cura dell’ottimizzazione dei contenuti del sito, non potrà far altro che alimentare il suo traffico. Di conseguenza a quello che è stato appena detto, possiamo affermare che per una strategia vincente al fine di creare ottimi contenuti, si potrà far leva sulla presenza dell’utilizzo della SEO e della User Experience dato che risulta innegabile il valore che ricoprono.
Li possiamo definire come i due principali pilastri da studiare con cura quando s’inizia a lavorare su un blog aziendale.

BACK TO BLOG